UA-68604412-1
  • GFR
  • AMR

Al 7. Carnevale Internazionale dei ragazzi, quest’anno ispirato alla Musica, hanno partecipato 6 Paesi (Austria, Bolivia, Germania, Polonia, Romania, Stati Uniti), nonché Conservatori e Scuole musicali, istituzioni estere e realtà culturali nazionali e del territorio.  “Quest’anno – ha dichiarato il Presidente Baratta – abbiamo dedicato l'evento  alle filastrocche, ninnenanne, scioglilingua, canzoncine, espressioni che ci uniscono tutti nel ricordo della nostra infanzia e che ci paiono particolarmente indicati per favorire la formazione di un’allegra e vivace comunità per ragazzi". Gli alunni del biennio del Liceo artistico Depero di Rovereto hanno rappresentato l'unica scuola trentina selezionata dalla Biennale di Venezia a partecipare al Carnevale internazionale dei ragazzi con un'opera collettiva intitolata ”Ninna nanna del bambino, di una nuvola fai cuscino” .Con loro altre 14 tra scuole, fondazioni ed accademie provenienti da tutta Italia, ma anche dall’Austria: sono stati i "Magnifici" della Settima edizione del Carnevale della Biennale di Venezia dal titolo “Giro Giro Tondo intorno al mondo” .

 Il tema generale attorno al quale si è sviluppato il programma si ispira alla tradizione delle filastrocche, ninnananne e scioglilingua provenienti da tutto il mondo. I ragazzi del Depero si sono cimentati nella realizzazione di una installazione dove, al centro, un grande nido ospiterà al suo interno i bimbi ma anche numerosi cuscini colorati e stampati con sillabe diverse. Sopra, nel cielo….come in un sogno…nuvole spumose ed altalene fluttuanti. A terra un grande quaderno sulle quali righe i bambini appoggiano i cuscini componendo la propria ninnananna o filastrocca. L'opera è stata sarà visibile e fruibile per tutto il periodo dell’evento presso la sede dei Giardini a Venezia, (30 gennaio - 7 Febbraio  2016). Ad orchestrare il progetto creativo si sono cimentati in prima linea gli insegnanti dell'area artistica: Maria Menguzzato, Luisa Vanzetta, Fabiola Riela, Tiziana Pretto, Deborah Lot, Marco Tita e Agostino Casalino. Protagonista la creatività dei ragazzi.

 

 

IMAGE
IMAGE

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito. Può conoscere i dettagli cliccando su "Informativa". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.