UA-68604412-1
  • Liceo Vittoria - Documenti di classe per l'Esame di Stato

  • Biennale Nazionale dei Licei Artistici 2018

    Biennale Nazionale dei Licei Artistici 2018

  • CONCORSO NAZIONALE MIUR “NEW DESIGN 2017”

    CONCORSO NAZIONALE MIUR “NEW DESIGN 2017”

  • Open Day - Scuola aperta Liceo Vittoria

    Open Day - Scuola aperta Liceo Vittoria

Di Daniele Bebber

L’edizione del 2014 del Concorso «New Design» ha visto ancora una volta sul podio il liceo artistico Alessandro Vittoria di Trento. È giunto al termine anche  nel 2014 il concorso «New Design» rivolto dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca) agli studenti delle classi del IV e del V anno degli Istituti Statali d’Arte/Licei Artistici e del III anno dei Licei Artistici – nuovo Ordinamento, al fine di promuovere, incoraggiare e sostenere le potenzialità creative nel campo del design. 

Il tema scelto dal Ministero per l’edizione 2014 era «Innovazione del bene culturale» e ha visto la presentazione di circa 900 progetti/prototipi da parte degli istituti di tutta Italia. I selezionati per la mostra e la premiazione conclusive sono stati una settantina: tra questi, ben 13 dell’istituto delle arti di Trento e Rovereto (Vittoria e Depero). Il concorso è indirizzato all’oreficeria oltre che ad altri settori come Interior design, Design della città, ecc. Gli studenti dei vari istituti d’arte italiani potevano partecipare presentando dei progetti da singoli elementi o da gruppi, giudicati e selezionati da una commissione tecnico-scientifica. I selezionati, sono stati ospitati per quattro giorni a Venezia –presso il convitto Foscarini- a spese del MIUR, ovviamente nei giorni della mostra e della premiazione ed hanno potuto beneficiare della visita guidata alla Biennale di Architettura.

Ventinove le scuole d’arte con progetti selezionati, tra le quali il Vittoria: dei 13 progetti della scuola di via Zambra prescelti dalla commissione Miur (attuali classi 4ªD e 5ªD della sezione Oreficeria guidati dai docenti Mariagrazia Brunelli di Progettazione Design e Franco Baldi di Laboratorio oreficeria), uno si è aggiudicato il primo posto.

«Climb the life» (Scala la vita): questo il titolo del lavoro vincente per l’oreficeria, realizzato dalla studentessa Denise Motter di 4ª D del corso interessato.

La motivazione per il premio assegnato:  «La commissione individua nel progetto e nel manufatto presentato aspetti di ricerca

particolarmente originali nel rispetto della funzionalità del gioiello, rileva l’essenzialità

delle linee generatrici della forma e l’accurata realizzazione frutto della felice sintesi dei

riferimenti storico-iconografici.»

La premiazione è avvenuta venerdì 7 novembre 2014 e per l’occasione le studentesse del Liceo europeo

Foscarini di Venezia («veri angeli custodi che ci hanno guidato per calli e campielli» – ha raccontato la prof.ssa

Brunelli) hanno organizzato una sfilata indossando i gioielli presentati al concorso.

Durante la mostra a Venezia dei progetti selezionati, avvenuta nella sala delle colonne di Ca’ Giustinian,

sono state esposte tutte le opere (vincenti e non) dei vari settori presenti.

Per la studentessa del Vittoria e l’istituto è stata una vittoria emozionante, che ha sorpreso e commosso

tutti. Ricordiamo che il premio New Design è iniziato con l’edizione 2009/2010 (l’Istituto «Depero» di

Rovereto aveva ottenuto un terzo posto ex-aequo); nel 2010/2011, l’Istituto delle arti di Trento e Rovereto

(nato dalla fusione tra «Depero», «Vittoria» e «Bonporti») aveva vinto il Primo premio assoluto con

l’istituto/liceo artistico «Vittoria» e ottenuto una menzione speciale per un prototipo dell’istituto

«Depero». Nel 2012/2013 un progetto di architettura integrata al territorio del Depero si è aggiudicato il secondo

premio ex-aequo e «Paesaggio sostenibile» (anello per turisti km 0) della classe 5d Vittoria-sezione

«Oreficeria» è rientrato nelle menzioni speciali.

Nel 2014 di nuovo l’ambito primo premio nazionale, per la seconda volta in cinque edizioni.

Abbiamo chiesto alla vincitrice come si è sentita e lei ha serenamente risposto dicendo di essere «molto

felice di questo successo che le è costato un bel po’ di fatica».

Spera inoltre che non sia l’unico ma ce ne siano altri. Un bel risultato per l’istituto delle arti trentino

(diretto da Paolo Rasera) e per tutto il sistema d’istruzione provinciale in un confronto di

alto livello ideativo e realizzativo.

L'album

 

 

 

 

 

IMAGE
IMAGE
IMAGE

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito. Può conoscere i dettagli cliccando su "Informativa". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.