UA-68604412-1
  • Il liceo Depero al Trentino Book Festival: l’arte come antidoto alla paura

    Il liceo Depero al Trentino Book Festival: l’arte come antidoto alla paura

  • Studenti dell'Istituto Depero di Rovereto premiati a Troyes

    Studenti dell'Istituto Depero di Rovereto premiati a Troyes

  • Il logo è nato a scuola. Dal Depero a Brentonico

    Il logo è nato a scuola. Dal Depero a Brentonico

  • L’ITALIA E LA RIVOLUZIONE DEL PAESAGGIO da Nord a Sud, panorami nel secolo lungo di Eddy Tovazzi

    L’ITALIA E LA RIVOLUZIONE DEL PAESAGGIO da Nord a Sud, panorami nel secolo lungo di Eddy Tovazzi

Marianna Grieco IVB Arianna Bortolotti VA

È Claudia Gerini a vestire il ruolo di protagonista la sera di domenica 2 aprile 2017 presso il Teatro Sociale di Trento, interpretando se stessa. Lo spettacolo, un atto unico di 90 minuti, racconta un insieme di storie intrecciando quelle da lei vissute a quelle di donne celebri. L'attrice si presenta in più vesti, cambiando maschera scena dopo scena, accompagnata dal virtuoso pianista Davide Pistoni che, instancabile, la affianca dall'inizio alla fine dello spettacolo.

Claudia racconta di sé fin dall'infanzia, quando instaura un'amicizia unica e indissolubile con l'anziana vicina di casa, «la signorina Maria, eccentrica signora appassionata di arte e musica», che le fa conoscere grandi personaggi e miti femminili della storia. Carmen Miranda, Frida Kahlo, Marlene Dietrich, Monica Vitti e altre ancora sono le donne evocate nello spettacolo, emblematiche sia per il loro contributo storico e artistico sia per l'influenza che hanno avuto sulla carriera dell’attrice.

Durante questo one woman show, il pubblico è accompagnato in un intenso viaggio, che alterna i momenti comici a quelli poetici quasi mistici, canzoni romantiche a ritmi caraibici, nei quali sono presenti coreografie in cui l’attrice si esibisce addirittura ai tessuti acrobatici.

♦♦♦♦Mentre l’utilizzo delle tecnologie, con un corpo di ballo “digitale”, ossia composto da personaggi animati proiettati dietro l’attrice, non desta particolare apprezzamento, l’allestimento suscita invece le aspettative del pubblico. Come sfondo alla performance, Claudia Gerini è infatti affiancata da una scenografia essenziale ma molto funzionale: nel mezzo del palco si stagliano due grigi blocchi simmetrici e squadrati, che creano ambienti diversi a seconda del loro spostamento durante le varie scene e permettono di ricavare un camerino nascosto al pubblico, all’interno del quale l’attrice cambia abito direttamente in scena. I costumi utilizzati sono notevoli: a volte minimalisti, a volte eccentrici, consentono allo spettatore di identificare immediatamente il personaggio interpretato.

Claudia Gerini, con la sua spontaneità e la bravura in campi diversi, conquista il pubblico, che segue con partecipazione e gradimento tutto lo spettacolo.

Giudizio 

 

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito. Può conoscere i dettagli cliccando su "Informativa". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.